Fausto Pirandello in mostra alla Estorick Collection di Londra

Fausto Pirandello in mostra alla Estorick Collection di Londra

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

La mostra di un grande artista italiano del Novecento, è in arrivo nella capitale britannica.

Stiamo parlando di Fausto Pirandello e delle sue opere, che saranno in esposizione alla Estorick Collection di Londra, dall’8 luglio al 6 settembre. Si tratta di una personale con cinquanta dipinti dell’artista che per la prima volta verrà ospitato nel Regno Unito.

Il pittore, figlio di Luigi Pirandello, è stato uno degli esponenti più rappresentativi della Scuola Romana, distinguendosi dagli altri per l’originalità della sua pittura, sempre orientata verso un realismo del quotidiano, che si rivela anche negli aspetti meno piacevoli, esprimendosi con una pittura densa e scabra.

Ultimogenito del premio Nobel per la letteratura, cresce tra Roma e la Sicilia, terra quest’ultima, che gli regalerà la passione per quelle tonalità che saranno poi tra le caratteristiche inconfondibili della sua pittura.

La personale, in particolare, metterà in mostra il suo percorso artistico tra gli anni Trenta e Cinquanta, in un interessante confronto con le opere di Lucian Freud, altro importante pittore del secolo scorso e nipote di Sigmund Freud, per cogliere ancor meglio le peculiarità e il senso profondo delle opere.

Si potrà notare come tra i due artisti, che mai ebbero contatti, ci siano grandi affinità stilistiche e contenutistiche, che molti critici riconducono al loro interesse per la psicologia e gli spazi interiori, argomenti che accomunarono anche i loro rispettivi famosi parenti.

Tra le opere esposte alla Estorick: “Composizione” (1928), “Donne con salamandra” (1928-30), “Interno di mattina” (1931), “La pioggia d’oro” (1933), “Palestra” (1934), “La scala” (1934), “Donne che si pettinano” (1937), “Bagnanti” (1938), “Le indossatrici” (1945), “Befana a piazza Navona” (1951), “Attraverso gli occhiali” (1953-54), “Bagnanti sulla spiaggia” (1961).

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti