Compagnie telefoniche a Londra: ecco come scegliere la migliore (e come attivare la SIM)

Compagnie telefoniche a Londra: ecco come scegliere la migliore (e come attivare la SIM)

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Siete appena atterrati sul suolo britannico? Bene! Fino a giugno 2017, ricordatevi che continua a valere il seguente imperativo: Switch off your roaming data right now! Traduzione: se non volete partire col piede sbagliato disattivate il roaming dei dati nelle impostazioni del vostro cellulare, a meno che prima di partire abbiate attivato qualche promozione vantaggiosa con la vostra compagnia telefonica italiana.

Tuttavia, la buona notizia è che da giugno 2017, in tutta l’Unione Europea saranno abolite le tariffe di roaming, con un risparmio del 90% rispetto ad oggi! Alè! Resta ovviamente l’incognita Brexit, in quanto proprio in questi giorni il governo britannico ha proposto di aumentare l’IVA al 20% sulle tariffe per chiamate internazionali. Al momento la misura si applicherà solo alle chiamate verso e da un Paese non-UE, ma non sappiamo cosa cambierà una volta che il Regno Unito sarà fuori dall’UE. In ogni caso, ci penseremo nel 2019.

Pensiamo ad oggi: ora avete bisogno di una sim inglese e del corrispettivo numero di telefono che dovrete scrivere nel vostro CV e che vi servirà per far domanda per il NIN e molto altro. Ecco quindi in brevi punti i passaggi che occorre seguire:

Prima di tutto decidete: volete una sim pay as you go, ossia una ricaricabile oppure preferite sottoscrivere un abbonamento (contract)? A mio parere la formula pay as you go è la soluzione più semplice per chi arriva e non sa precisamente se vivrà a Londra per settimane, mesi o anni. Gli abbonamenti, seppur spesso più convenienti delle ricaricabili, hanno infatti solitamente una durata minima di 6 mesi (alcune compagnie offrono anche contratti della durata di un mese da rinnovare volta per volta, ma informatevi bene riguardo alle condizioni) e bisogna dimostare, attraverso il conto corrente, di avere delle entrate per sostenere la spesa mensile.

Una volta deciso ciò avrete l’imbarazzo della scelta: esistono parecchie compagnie telefoniche e le promozioni cambiano nel corso dell’anno, quindi nel prossimo punto non troverete riferimenti a prezzi che sono soggetti a variazioni, ma semplici consigli.

Le più economiche sono Lebara, Lycamobile e Giffgaff. Tutte e tre offrono il servizio di acquisto online della sim e attraverso il sito potete decidere il piano tariffario. Solo Giffgaff vi permette di ricevere in anticipo la sim mentre siete ancora in Italia e “bruciare le tappe”. Le sim Lebara e Lycamobile sono acquistabili (in realtà sono gratuite, ma devono essere ricaricate per poterle usare) nella maggior parte degli off-licence, ovvero quei negozietti che sono ad ogni angolo e vendono di tutto, ma nessuna delle due compagnie ha dei flagship store.

Chi non ha un buon rapporto con la tecnologia, può però affidarsi ad altre compagnie che danno la possibilità di riempire di dubbi e domande i poveri sales assistants presenti nel punto vendita. Le principali compagnie telefoniche che operano anche in Italia e hanno vari flagship stores sono Vodafone, 3, E-E, O2 e Virgin Mobile. Altre compagnie telefoniche minori sono Talk Talk Mobile, Asda Mobile e Tesco Mobile. Queste ultime due sono compagnie telefoniche legate a supermercati, rispettivamente Asda e Tesco. Vodafone ha la nomea di essere la più cara, ma anche quella che offre il miglior servizio, anche se io non ho mai avuto problemi di alcun tipo con Giffgaff.

Per acquistare una sim occorre semplicemente presentarsi con un documento di identità nel negozio dove potrete anche ricaricare (top up) la sim se non volete farlo online attraverso carta di credito. Ogni compagnia propone un numero infinito di offerte, quindi vi suggerisco prima di tutto di fare un confronto online tenendo presente le vostre necessità, ossia se avete bisogno principalmente di navigare in internet o di telefonare o di inviare messaggi di testo.

Ma soprattutto verificate la copertura di rete (coverage): cercate questo campo nel sito web dell’operatore che avete scelto e inserite il vostro post code. Tuttavia non sempre i dati sono attendibili. Può essere utile magari chiedere ai vostri vicini di casa quale operatore utilizzano.

Cambiare operatore mantenendo il proprio numero inglese è piuttosto semplice. Chiamate il numero del servizio clienti della vostra attuale compagnia e dopo un numero imprecisato di minuti riuscirete a mettervi in linea con un operatore che vi comunicherà il PAC code che vi dovrete annotare e che vi verrà inviato in seguito anche via sms. Il PAC code (Porting Authorisation Code) è il codice della validità di 30 giorni che dovrete comunicare al nuovo mobile operator. Una volta avviata la pratica dovrete semplicemente attendere prima del passaggio un paio di giorni lavorativi durante i quali potrete usare una sim provvisoria fornita dalla nuova compagnia.

Ancora non avete deciso a quale compagnia telefonica affidarvi? Fate presto, le red telephone boxes, le tipiche cabine telefoniche rosse, sono ormai in via di estinzione e sono prese d’assalto dai turisti!

Il tuo voto: 4
Voti totali: 4

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti