GUIDA

Regole di comportamento non scritte assolutamente da conoscere e rispettare a Londra

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Integrarsi a Londra può essere non così facile inizialmente: non è solo un problema di lingua, ma anche di costumi, usi e tradizioni. A Londra, poi, esiste tutto un insieme di norme e comportamenti non scritti che i londinesi pretendono che tutti rispettino.

Queste regole sono prese molto seriamente dai londinesi e una volta che vi sarete ambientati, state sicuri che odierete qualsiasi essere umano provi a intralciarle. Ecco quindi una guida basilare all’etiquette londinese per evitare passi falsi e sguardi di odio nei vostri confronti.

Come ci si comporta in metro

Gli inglesi prendono seriamente molte cose, e la tube è una di queste: essendo il modo più veloce di spostarsi in città (ma comunque troppo lento per i pendolari in ritardo o sempre a corsa), ci sono delle regole da conoscere e da seguire alla lettera. Nessuna eccezione concessa. Ecco le principali:

  • la metro a Londra è la tube: non chiamatela mai e poi mai underground (non siamo mica a New York).
  • Sulle scale mobili, anche se siete con tre valige al seguito, dovete stare sulla destra: in nessun modo, voi o un vostro oggetto/bagaglio deve ostacolare la corsia di sinistra, utilizzata da chi non ha tempo per riposare le gambe per 30 secondi.
  • Decidete per tempo prima di prendere le scale mobili se stare fermi sulla destra o camminare sulla sinistra: cambi di rotta improvvisati non sono ben visti.
  • Quando arrivate al tornello della stazione, sia in entrata che in uscita, non piazzatevi davanti al tornello a cercare la Oyster card: preparatela per tempo o spostatevi.
  • Evitate di parlare con gli estranei sulla tube.

Come gestire una conversazione con un tassista londinese

Se vi capitasse di prendere un taxi o Uber, ci sono alcune piccole regole da ricordarsi. Innanzitutto, non è obbligatorio parlare con il taxista (a parte per i dettagli inerenti la vostra destinazione e il pagamento), anzi molti di questi non avranno per niente voglia di intrattenere una conversazione con il milionesimo estraneo di turno.

Se proprio non riuscite a starvene in silenzio, comunque, evitate frasi come “have you been busy tonight?” o “What time are yo on until?”.

Capire le differenze geografiche tra londinesi

Londra è una metropoli enorme e per questo i londinesi, a seconda della loro provenienza, parlano in maniera diversa e generalmente hanno anche interessi diversi. Per non sbagliare argomento di conversazione, avrai molte più possibilità di interagire con successo con un londinese che abita a ovest parlando dei migliori luoghi dove andare per il brunch o proporre di bere un prosecco, mentre gli abitanti dell’East London sono più propensi a tutto ciò che è vintage, biologico e a chilometro zero.

I londinesi del sud amano sentirsi chiedere se abito nel Surrey, mentre puoi diventare amico con un londinese del nord controllando se il suo postcode è dell’Hertfordshire.

Come gestire una conversazione con un londinese in generale

In generale, però, ci sono delle regole comuni che valgono per tutti i londinesi e che hanno a che fare con la così detta politeness britannica. Ecco qualche linea guida generale:

  • qualsiasi persona, inclusi i commessi di qualsiasi negozio, vi chiederà sempre e comunque come state: rispondete sempre e ringraziate, ma soprattutto sappiate che è solo una formalità e nessuno è davvero interessato a sapere come state. Di conseguenza, anche se il vostro fidanzato/a vi ha lasciato il giorno prima del matrimonio, non abbiate la tentazione di raccontare al malcapitato la vostra storia triste: un “fine”, “good”, “not bed”, “terrific” sono sufficienti.
  • Abbondate di please, thank you e sorry. Non sono mai troppi in una conversazione. Qualcuno vi pesta un piede? Lui chiederà scusa ma dovete fare la stessa cosa pure voi. Il cameriere vi porta il menù e voi ringraziate e bè… anche lui vi ringrazierà a sua volta. Non lesinate i please, mi raccomando, se non volete passare da maleducati.
  • Mai e poi mai dire “cosa?” (“What?”) in risposta a qualcuno che vi ha chiesto un’informazione e voi non avete capito cosa ha domandato. Può esistere offesa più grave? Per un londinese forse no.
  • Parlare del tempo va sempre bene: “horrible weather isn’t it?” e “so miserable outside” sono affermazioni che gli inglesi non si annoiano mai di sentire e sono utilissime per ricoprire buchi in ogni conversazione.
  • Non lamentatevi con altri londinesi di quanto è cara Londra: ne sono a conoscenza.
Il tuo voto: 3
Voti totali: 4

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto