TEMPO-LIBERO/ATTRAZIONI

Un angolo di India a Londra: lo Swaminarayan Temple

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Una delle caratteristiche più famose di Londra è la sua multiculturalità. Basta passeggiare per le sue strade per rendersi conto di quanto varia è la sua popolazione: decine di religioni, lingue, tradizioni, colori e sapori la rendono una delle metropoli più multietniche del mondo.

Uno degli effetti di questa multiculturalità si può notare nella presenza di diverse chiese e templi sparsi da nord a sud. Uno dei più belli è lo Swaminarayan Temple, un tempio indù che si trova a Neasden, nord ovest della città.

ldv-swami2
Lo Swaminarayan Temple è diviso in due zone completamente diverse l’una dall’altra: l’Haveli sulla destra e il Mandir sulla sinistra.

L’ingresso al tempio avviene attraverso l’Haveli. Bisogna lasciare borse e zaini nel cabinotto situato di fronte al cancello d’ingresso principale, passare il metal detector e togliersi le scarpe negli appositi spogliatoi (a destra per le donne, a sinistra per gli uomini). Al centro dell’Haveli c’è un piccolo bazar, circondato a destra e sinistra da degli enormi tappeti su cui i fedeli si chinano a pregare. Le pareti e il soffitto sono fatti di legno intagliato, lavorato a mano usando querce inglesi e birmane derivanti da foreste eco sostenibili. Per ogni tre alberi abbattuti, ne sono stati piantati altri dieci.

b

L’Haveli è collegato al Mandir tramite un corridoio luminoso la cui parete di sinistra è ricoperta da dediche e foto di ospiti illustri: tra gli altri, Papa Wojtyła, Boris Johnson, David e Samantha Cameron. La parete di destra invece è composta da una lunga serie di vetrate che affacciano su un curatissimo giardino interno e da cui si può vedere anche una delle pareti di marmo del Mandir.

Alla fine del corridoio ci si ritrova nel Mandir, il tempio bianco che si vede da fuori. Al piano terra c’è una interessante mostra sull’Induismo che espone i princìpi e i valori su cui si fonda la religione più antica del mondo.

L’ingresso costa solo 2 sterline!

Uscendo dalla mostra ci sono due scalinate bianche che portano al piano superiore, una splendida sala da preghiera di un bianco abbagliante e un silenzio assordante! Il Mandir è composto da 5000 tonnellate di marmo di Carrara e calcare bulgaro, tutto inciso e intagliato. Il soffitto è fatto di altorilievi e bassorilievi, ogni singola colonna è intarsiata, non c’è un centimetro di muro liscio!

Alcuni fedeli pregano inginocchiati di fronte alle statue delle Murti, delle immagini sacre pervase, secondo la tradizione, dalla presenza divina.

Sui volantini c’è scritto che il Mandir e’ stato costruito grazie all’amore e alla determinazione di più di 3000 volontari, in appena 3 anni!

a
Come ci si arriva?

Bisogna prendere la Jubilee Line direzione nord, scendere a Wembley Park, prendere il bus 206 direzione Kilburn Park Station e scendere alla fermata Swaminarayan Temple.

Ingresso è gratuito e non si possono fare fotografie agli interni del tempio.

Il Mandir e l’Haveli sono aperti dalle 9 alle 18 tutto l’anno, compresi i Bank Holidays.

Per ulteriori informazioni visitate il sito ufficiale.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 5
Voti totali: 1

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto