I migliori locali gay di Londra…non sono solo per gay!

I migliori locali gay di Londra…non sono solo per gay!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Levatevi dalla testa il Blue Oyster Bar di Scuola di Polizia. I locali gay di Londra non sono un covo fumoso frequentato da machi alla Village People. Chiunque abbia girato per le strade di Soho lo sa: non esiste una vera distinzione tra i club gay e quelli straight. O meglio c’è, perché la percentuale di ragazzi e ragazze omosessuali è maggiore e l’insegna del locale lo dichiara subito. Ma in realtà la folla della movida londinese si mischia senza differenze e senza etichette. E questa è Londra.

Tra i top va citato subito il G-A-Y, soprattutto perché non è un semplice locale, ma un brand. Infatti a questo nome sono associati il G-A-Y Bar di Old Compton Street, e il G-A-Y Late di Charing Cross. Quest’ultimo si colloca in quello che si autodefinisce il “più famoso nightclub gay del mondo” ovvero l’Heaven. Un superclub dove si sono esibiti numerosi artisti della scena pop internazionale: nomi come Lady Gaga, Madonna, Beyoncè, le ex delle Spice e non continuo perché la lista è lunghissima e ve la potete guardare su Wikipedia.

Tra l’altro entrambi i brand si piazzano sulla scena internazionale in formato franchise: G-A-Y ha una sua sede a Manchester, mentre l’Heaven lo ritroviamo anche in Gran Canaria e a Ibiza, due templi dell’intrattenimento gay.

La recente ribalta di Vauxhall però sta minando le fondamenta di Soho in termini di popolarità. L’enorme discoteca Fire, proprio a due passi dalla stazione ferroviaria, organizza serate a tema LGBT nelle sue mega sale dove pompa musica e laser a tutto spiano. E proprio un vecchio locale di Soho, il Barcode, ha chiuso riaprendo un’altra sede a Vauxhall sempre non lontano dalla stazione.

Soho comunque per tradizione detiene il maggior numero di locali gay londinesi: lo Shadow Lounge di Brewer Street, il Freedom di Wardour Street, il Ku Bar a Lisle Street nei pressi di Chinatown e altri.  A meno che non ci siano serate speciali l’ingresso è libero, e aperto a tutti. Inoltre, essendo molti posti dei discobar, sono aperti già dal pomeriggio. Ma le loro serate non hanno fine.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti