TEMPO-LIBERO

Penny Farthing Club: a bordo di un velocipede per le strade di Londra

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Velocipede. Che parolona, eh? Chi si ricorda quegli strani antesignani delle biciclette moderne, con un’enorme ruota davanti e una minuscola dietro a fare da contrappeso? No? Be’, chiaro, difficilmente potreste ricordarvene, a meno che non abbiate tipo 140 anni (e in quel caso, complimenti per la memoria e per il record di persona più anziana del mondo).

Il velocipede è un tipo di bicicletta che andò di moda per un po’ di tempo nell’Inghilterra vittoriana. In realtà il termine indicava diverse classi di mezzi a due ruote con pedali. Il design più popolare era quello del biciclo: ovvero il velocipede con un enorme ruota anteriore e un sellino situato ad altezze vertiginose.

Ma perché ne stiamo parlando? Perché a Londra c’è ancora chi sente la mancanza di quell’epoca d’oro. Dove pochi eletti, insomma quelli con i soldi, potevano permettersi di scorrazzare per le strade di una città ancora priva di traffico, e meravigliare gli astanti. E oggi si può ottenere lo stesso effetto anche sulla popolazione del terzo millennio. Basta iscriversi al Penny Farthing Club.

Penny Farthing è il nome con cui viene denominato il biciclo nella terra della regina: le due ruote di dimensioni così diverse tra di loro venivano paragonate alla moneta da un penny e quella, considerevolmente più piccola, di un farthing, del valore di un quarto di penny.

Il club in questione possiede otto riproduzioni di questi antichi bicicli, e impartisce lezioni per manovrarle. E non è certo un’impresa da tutti i giorni: la prima difficoltà consiste proprio nel salire sul mezzo, saltando sul sellino situato a quasi due metri da terra. Per non parlare di mantenere l’equilibrio in frenata e in discesa.

Ma chiunque abbia le gambe abbastanza lunghe da raggiungere i pedali può fare richiesta di ammissione al club. E, una volta acquisita padronanza del mezzo, si può addirittura passare al livello successivo: quello di usare il biciclo per delle partite di polo. Proprio come le genti delle classi alte di fine Ottocento.

La membership annuale costa £25. Ma se vi interessa solo un’esperienza una tantum, potete prenotare una lezione singola con annesso giro turistico di Westminster tramite AirBnB Experiences: al costo di £100 sarà Neil, il fondatore stesso del Penny Farthing Club, ad educarvi sull’utilizzo del mezzo.

Ma perché il biciclo aveva una ruota anteriore così grande? Perché i costruttori dei velocipedi si resero conto che, maggiore era la dimensione del raggio, maggiore sarebbe stata la distanza percorsa dalla bici con una sola pedalata. Poi però qualcuno ha pensato a unire due ruote di uguale dimensione con una catena di trazione. E la moda passeggera del biciclo finì davvero nel giro di poco tempo…

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto