TRASPORTI

Come muoversi con i treni da Londra: la guida completa!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Se c’è un ottimo mezzo di trasporto con cui uscire fuori Londra e viaggiare quello è il trenoSe c’è un modo di viaggiare fuori Londra e spendere una cifra equivalente a una giornata di lavoro, quello è prendere il treno.

Davvero, è inconcepibile pensare che si possa comprare un biglietto aereo per Dublino a 10 £, quando per la stessa cifra a stento si riesce ad arrivare all’aeroporto di Gatwick con il treno. Soprattutto, è inconcepibile che i prezzi dei biglietti dei treni non vengano stabiliti con un criterio regolare basato sulla distanza chilometrica, ma lievitano e decrescono in maniera sproporzionata come se seguissero l’andamento della borsa di Wall Street.

È la rete ferroviaria del Regno Unito, bellezza: benvenuti in un mondo fatto di brand, advanced ticket, off peak e altre amenità del business inglese.

Cominciamo subito col dire una cosa: i treni arrivano tutti in orario. Sì, come quando c’era lui. Ma se personalmente (e ringraziando il cielo) non ho mai avuto esperienza diretta del ventennio, posso parlare per diretta esperienza dei treni che ho preso da Londra. E fino adesso non sono mai rimasto deluso. Fino adesso.

Quello che mi fa torcere le budella è che ogni volta che acquisto il biglietto di un treno devo fare i salti mortali per trovare il prezzo migliore. Sì, perché in Italia noi siamo abituati troppo male: da noi i prezzi dei biglietti sono fissi. Vuoi andare da Napoli a Roma? Sono 40 euro. Vuoi arrivare fino a Milano? Sono 100, grazie. Al massimo se sei sveglio prenoti con due mesi di anticipo per approfittare del numero di posti limitati a prezzo ridotto. Ma questo è quanto. Poi lascia stare che Trenitalia quei soldi te li fa vomitare nel sangue tra un’interruzione e un ritardo, ma non stavamo parlando di questo…

Fare un biglietto del treno a Londra (e suppongo anche in tutto il Regno Unito, ma io a Londra vivo) è un po’ come un terno al lotto. Quando scegli la tua destinazione non sai mai che prezzi ti possano sparare. Essì, perché qua mica si basano sulle distanze chilometriche. Qua si basano sul periodo in cui viaggi, il periodo in cui acquisti il biglietto, la popolarità della destinazione e altri criteri che non conosco ma che fanno assomigliare la procedura all’acquisto di un biglietto per l’aereo. E se cerchi di capire e di entrare addentro nei meccanismi, non farai altro che rovinarti ancora di più il cervello, e alla fine sempre un interrogativo ti si porrà sulla fronte: “PERCHÉ?!?”

Vi faccio un esempio concreto. Se voglio prenotare un biglietto per Brighton, bellissima città sulla costa ad appena un’ora da Londra, posso riuscire anche a pagare 10 £ per andata e ritorno prenotandolo solo una settimana prima. Se invece voglio andare all’aeroporto di Gatwick, che si trova a metà strada tra Londra e Brighton, ad appena mezz’ora e sulla stessa linea ferroviaria, anche prenotando con due mesi di anticipo non riuscirò a pagare meno di 10 £ sola andata. PERCHÉ?!?

Perché? Ma è semplice: ci sono molte più persone che vogliono andare all’aeroporto di quelle che vogliono andare a Brighton.

Qualche intelligentone là fuori adesso starà pensando: “Ma allora fatti furbo, compra un biglietto per Brighton a 5 £ e poi scendi all’aeroporto di Gatwick.” Bravo, genio. Peccato che gli inglesi la sanno lunga, e hanno un antidoto efficiente contro noi italiani. Si chiama “controllo elettronico“, che noi chiameremmo tornello. Volenti o nolenti noi si viaggia con un biglietto magnetico che va inserito all’andata in una fessura per farci passare per dei cancelletti prima di prendere il treno. Quando arriveremo, andrà inserito di nuovo per permetterci di uscire dalla stazione. Se abbiamo tentato la mandrakata il controllo elettronico, che stupido non è, lo capisce e ci risputa il biglietto indietro senza farci passare.

A quel punto l’unica per uscire è chiedere assistenza al controllore umano, che guarderà il biglietto, capirà che abbiamo voluto fare i furbi, e ci farà la multa. Con tanto di figura barbina annessa.

E allora con quale criterio comprare i biglietti di un treno a Londra e pagare di meno? Nessuno, a parte uno univoco: fatelo prima possibile. Come si sa, nel Regno Unito vanno pazzi per le prenotazioni. E soprattutto per quelli che sono chiamati advance ticket, ovvero biglietti acquistati in anticipo a costi bassi. Bassi per i loro standard ovvio.

Quando andate sul sito scegliete una destinazione, scegliete un giorno e quando vi verrano visualizzati i risultati vedrete che ci sono più orari durante la giornata in cui potrete pagare un prezzo più basso, sia all’andata che al ritorno. Non preoccupatevi, la scelta è vasta, troverete sicuramente quelli più convenienti per voi.

In altri casi se prenotare un a/r per lo stesso giorno vi proporranno automaticamente l’off peak day return: un biglietto che pagate poco e che vi permetterà di andare e tornare in giornata a qualsiasi orario (anche se all’atto della prenotazione dovrete specificare gli orari, quindi tenetevi larghi… sì, so’ complicati st’inglesi).

In ultimo, per risparmiare sul prezzo di un biglietto per il treno acquistato da Londra, scegliete bene la compagnia con cui viaggiate.

E già, qui mica è l’Italia dove vige quasi un monopolio statale. Qui il network ferroviario è composto da decine di compagnie private con numerosi brand. Solo da Londra partono: Southern Railways, Southeastern Railways, South West Trains, Chiltern Railways, First Great Western, Abellio Greater Anglia, East Coast, Thameslink e altre che al momento dimentico o non conosco.

Uno uscirebbe scemo con tutte queste compagnie, se non fosse che ci viene in aiuto un sito magico: il National Rail Enquiries. Un motore di ricerca ufficiale che, in base ai nostri criteri di ricerca (destinazione, giorno, ora e stazione di partenza) ci dà automaticamente tutte le disponibilità di prezzi,e a seconda della nostra fascia economica anche i più bassi. Una volta selezionati i biglietti, il sito ci reindirizzerà direttamente sul sito della compagnia ferroviaria da cui acquisteremo. Previa registrazione, come sempre del resto.

Una volta registrati, preparatevi a ricevere diecimila email commerciali delle varie compagnie ferroviarie che a più riprese vi proporranno offerte di tariffe a prezzi super-bassi (sempre secondo i loro standard) verso le più belle destinazioni. Sarà seccante, ma vi consiglio di accettare di ricevere queste email all’atto della registrazione, perché possono uscire proposte davvero interessanti.

Non fatevi spaventare dalle cifre esose: se volete conoscere l’Inghilterra al di fuori della sua capitale il treno è quasi sempre il mezzo più veloce ed efficiente per viaggiare, anche se non il più economico.

Infine vi segnalo che da Londra si possono raggiungere diversi aeroporti con il treno:

Heathrow: con Heathow Express da Paddington, e Heathrow Connect da Hayes & Harlington, Southall, Hanwell, West Ealing, Ealing Broadway, Paddington.

Gatwick: con Gatwick Express e Southern Railways da Victoria.

Stansted: con Stansted Express da Tottenham Hale e Liverpool Street.

Luton: con Thameslink da St Pancras.

Southend: con Abellio Greater Anglia da Liverpool Street e Stratford.

Per ulteriori informazioni sui collegamenti verso gli aeroporti con il treno vi rimandiamo agli articoli dedicati nella sezione trasporti. Buon viaggio!

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto