Logo Londra Da Vivere
TRASPORTI/TRENI

Nuovi treni notturni ecosostenibili collegheranno Londra a Roma (e a tante altre capitali europee)!

|
EU Network
AEMORGAN

Pandemia permettendo, si spera di poter tornare a circolare in Europa il più presto possibile, così da recuperare tutti i viaggi inevitabilmente lasciati in sospeso l’anno scorso. In merito alla questione già arrivano ottime notizie in quanto, nel 2021, verrà ripristinata la rete ferroviaria europea nota come Trans Europ Express (Tee).

Il servizio, attivo dal 1957 fino ai primi anni Novanta, forniva collegamenti tra le principali destinazioni dell’allora CEE con l’utilizzo di carrozze di lusso, che viaggiavano principalmente di notte. Il nuovo piano prevede il ripristino di questi treni a lunga percorrenza che però, rispetto a quelli precedenti, saranno più veloci, più frequenti ed anche più economici.

Il progetto è stato lanciato grazie alla partnership tra quattro compagnie ferroviarie: la tedesca Deutsche Bahn, la francese SNCF, le Ferrovie Federali Austriache (ÖBB) e le Ferrovie Federali Svizzere (FFS). L’investimento ammonta a quasi 500 milioni di euro e permetterà di avere 26 rotte disponibili per i servizi ferroviari notturni in tutta Europa.

Le prime linee dei nuovi treni notturni a lunga percorrenza metteranno in collegamento tra loro alcune capitali e grandi città d’Europa:

  • entro dicembre 2021 si intendono attivare le linee Vienna-Monaco di Baviera-Parigi e Zurigo-Colonia-Amsterdam;
  • entro il 2022 sarà la volta della Londra-Zurigo-Milano-Roma;
  • per dicembre 2023 è in programma la Vienna-Berlino-Bruxelles-Parigi;
  • nel 2024 è previsto il lancio della Zurigo-Barcellona.

Questa tipologia di viaggi non solo permetterà ai passeggeri di dormire tranquillamente per poi trovarsi al risveglio a destinazione, ma renderà l’Europa ancora più rispettosa del clima e dell’ambiente. Rispetto ai voli in aereo o agli spostamenti in automobile, i viaggi in treno rappresentano infatti un’ottima alternativa ecosostenibile in quanto causano minori emissioni di CO2.

Le prospettive sono, quindi, delle migliori e anche se per adesso le restrizioni ci obbligano a casa, tra qualche anno viaggiare tra Londra e l’Italia sarà più comodo che mai!

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0