NEWS

L’attentato di Manchester spaventa Londra: evacuata Victoria Station, aumentano le misure di sicurezza

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Dopo gli attentati di Londra di marzo 2017, il Regno Unito ha subito un altro attacco ancora più agghiacciante, il secondo per numero di vittime dopo gli attentati di Londra del 7 luglio 2005. L’attacco terroristico, avvenuto a Manchester, ha avuto ripercussioni anche a Londra, non solo perché sono state aumentate le norme di sicurezza, ma soprattutto perché ci sono stati diversi falsi allarmi bomba, andando ad alimentare il panico nella popolazione.

Ieri sera, alla Manchester Arena di Manchester, intorno alle 22:30, subito dopo la fine del concerto di Ariana Grande, popstar americana amatissima dai teenager, sono state udite alcune esplosioni, mandando nel panico tutti i presenti al concerto che si prestavano a uscire dall’edificio, separando numerosi genitori dai bambini.

Dopo ore di caos in cui non era ben chiaro cosa fosse successo e quali notizie fossero attendibili, sono arrivate le prime conferme da parte della polizia: sono 22 i morti, inclusi bambini, uccisi da un uomo che si è fatto esplodere con un ordigno rudimentale riempito di chiodi e lame nel foyer dell’Arena. I feriti, per il momento, ammontano a 59 persone. Ci sono ancora dei dispersi.

“Stiamo lavorando per stabilire nei dettagli cosa è successo in questo terribile attacco terroristico”, ha dichiarato Theresa May, “tutti i nostri pensieri vanno alle vittime e le famiglie di coloro che sono stati affetti”.

Stiamo trattando quanto successo come un attacco terroristico e crediamo che sebbene crediamo che l’attentato della scorsa notte sia condotto da un solo uomo, la priorità è stabilire se stesse agendo da solo o come parte di una cellula”, ha spiegato il capo della polizia di Manchester, Ian Hopkins. “L’attentatore, posso confermarlo, è morto nell’arena. Crediamo che avesse con sé un esplosivo improvvisato, che è stato detonato, causando questa atrocità”.

Mentre la polizia e l’antiterrorismo continuano a svolgere le indagini, anche a Londra sono state aumentate le misure di sicurezza: Cressida Dick, Commissioner of The Metropolitan Police Service, ha confermato che sono stati dispiegate forze di polizia aggiuntive nella capitale. “Qui nella capitale abbiamo impiegato un numero maggiore di poliziotti in queste ore. Queste misure saranno poste in essere fino a quando sarà necessario, e i poliziotti armati e non armati sono lì per rassicurare”.

Nella mattinata, poi, è stata evacuata anche la stazione autobus di Victoria Station in seguito a un allarme pacco-bomba che si è rivelato essere un falso allarme. “Il pacco sospetto trovato questa mattina alla stazione di autobus Victoria a Londra è stato controllato. Si è trattato di un falso allarme”. La stazione è stata riaperta.

Evacuato anche un aereo in partenza dall’aeroporto di Dubai e diretto proprio a Londra per un allarme bomba. “Una misura precauzionale”, ha riportato un portavoce della compagnia aerea britannica Virgin, a cui appartiene l’aereo.

Il tuo voto: 5
Voti totali: 3

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto