Come ottenere la cittadinanza britannica

Come ottenere la cittadinanza britannica

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Con l’avvicinarsi del referendum che decreterà l’uscita o la permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea, sempre più italiani sono interessati ad acquisire la cittadinanza britannica onde evitare possibili brutte sorprese in caso Londra lasci l’organizzazione sovranazionale. Comunque, anche in caso di permanenza, sebbene sotto la legislazione UE che regola la libera circolazione tra Stati membri i cittadini europei residenti in UK siano quasi del tutto equiparanti ai cittadini britannici, acquisire la cittadinanza del paese permette di usufruire di maggiori diritti – diritto di voto alle elezioni politiche, accesso ai sussidi senza alcune restrizioni, non poter essere allontanati dal territorio britannico per motivi di ordine pubblico, sicurezza pubblica e sanità pubblica. Se siete interessati ad acquisire la cittadinanza britannica, ecco quali requisiti sono richiesti e qual è la procedura da seguire.

Il primo passo fondamentale da compiere è quello di richiedere la permanent residence card (carta di residenza permanente) che viene automaticamente riconosciuta ai cittadini UE che hanno vissuto in modo continuo nel Regno Unito per 5 anni. Nonostante “l’automaticità” (in teoria) nell’acquisire la residenza permanente – che dovrebbe essere riconosciuta indipendentemente dal possesso o meno della carta – da novembre 2015 è obbligatorio fare domanda per ottenere la permanent residence card ai fini di applicare per la cittadinanza. Sul sito del gov.uk trovate l’application form, da riempire e spedire all’Home Office. La domanda costa £65 a persona. Se ci si assenta per due anni consecutivi dal Regno Unito, si perde il diritto alla residenza permanente. In caso di Brexit, essere in possesso di una permanent residence card vi aiuterà a dimostrare il vostro effettivo periodo di permanenza in territorio inglese.

Dopo 12 mesi dall’ottenimento del documento che certifica il vostro status di residenti permanenti, potete fare domanda per la cittadinanza, secondo quando dettato dal British Nationality Act del 1981 che regola la naturalizzazione sia di cittadini UE che non-UE. Dovete essere quindi in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere vissuto nel Regno Unito per almeno 6 anni dalla data in cui si fa richiesta di cittadinanza (5 anni + 1 con la permanent residence card);
  • non aver trascorso più di 450 giorni fuori dal Regno Unito in questi anni;
  • non aver trascorso più di 90 giorni fuori dal Regno Unito negli ultimi 12 mesi;
  • non aver infranto nessuna regola sull’immigrazione nel periodo di soggiorno nel Regno Unito;
  • avere almeno 18 anni;
  • non avere subito condanne gravi o recenti, avere tentato di ingannare l’Home Office o essere stato condannato per reati legati all’immigrazione negli ultimi 10 anni;
  • si vuol continuare a vivere nel Regno Unito;
  • avere superato il test Life in the UK e di conoscenza della lingua inglese.

Il test Life in the UK è volto a verificare la vostra conoscenza sul paese di cui volete diventare cittadini. Sul sito gov.uk trovate il testo sui cui prepararvi e sempre qui potrete prenotarvi per l’esame – almeno 3 giorni prima della data scelta. Costa £50. Per quanto riguarda la conoscenza dell’inglese è necessario un certificato che attesta che abbiate almeno un livello B1 o essere in possesso di una laurea o dottorato conseguito seguendo dei corsi interamente in inglese.

Quando si è in possesso di tutti questi requisiti si può fare domanda per la naturalizzazione compilando l’apposito form o seguendo le indicazioni a questa pagina. Il costo per la procedura è di £1236. Una volta ottenuto il certificato di naturalizzazione è poi possibile fare domanda per il passaporto britannico.

Ricordatevi che il Regno Unito, così come l’Italia, accetta la doppia cittadinanza quindi non ci sono problemi nel richiedere quella britannica se si vuol mantenere quella italiana.

Il tuo voto: 3
Voti totali: 3

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti